Astronomi hanno fatto una scoperta rivoluzionaria!

Con una nuova tecnica di calibrazione, hanno penetrato l’ionosfera terrestre, rivelando l’universo radio in una chiarezza sbalorditiva. Per la prima volta, abbiamo immagini nitide dell’universo radio nella gamma di frequenza di 16-30 megahertz, un traguardo che si pensava fosse impossibile a causa delle turbolenze create dall’ionosfera.

Questa tecnica, simile all’ottica adattiva usata nei telescopi ottici, utilizza le stesse sorgenti radio come bersagli di calibrazione, migliorando sensibilità e risoluzione di un ordine di grandezza rispetto alle osservazioni precedenti. Non è perfetta – ci sono ancora delle linee che irraggiano intorno alle sorgenti radio a causa del movimento apparente indotto dall’ionosfera – ma è un passo avanti significativo che potrebbe essere ulteriormente affinato.

Condividete per celebrare questa incredibile pietra miliare nell’astronomia radio! 🔭📡

 

#Astronomia #Scienza #UniversoRadio #Ionosfera #Innovazione

 

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Avete mai pensato a cosa ci sia realmente nel vostro lievito madre?

Il lievito madre è il più antico tipo di pane lievitato nella storia registrata, consumato per migliaia di anni. Ma cosa lo rende così speciale? Semplice: farina e acqua. Questi ingredienti creano una cultura viva dove lieviti e batteri fermentano gli zuccheri della farina, producendo sottoprodotti che donano al lievito madre il suo gusto e odore caratteristici. 🥖

Un ricercatore ha esplorato la comunità microbica nel suo lievito madre di famiglia, passato di generazione in generazione, con un microscopio elettronico a scansione (SEM). Questo strumento può osservare dettagli fino a 10.000 volte più piccoli di un capello umano! 😮

Ogni lievito madre ha un mix unico di microbi. In uno starter possono esserci più di 20 specie diverse di lieviti e 50 specie diverse di batteri. Le specie più robuste diventano dominanti, creando una complessità microbica che possiamo ora osservare grazie alla SEM. 🧫

 

#Sourdough #Microscopy #ScienceAlert #BakingScience

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Perché i robot non possono superare gli animali più veloci?

Nonostante i progressi significativi nella robotica e nell’intelligenza artificiale, non abbiamo ancora costruito robot in grado di superare le prestazioni delle creature più veloci della natura. Una nuova ricerca ha esplorato le ragioni principali di questa limitazione, analizzando oltre cento studi precedenti e confrontando i robot con gli animali in categorie come potenza, struttura, attuazione, sensoristica e controllo.

Il problema non è che i nostri robot più avanzati siano molto indietro in una particolare categoria. La sfida è che non siamo ancora riusciti a combinare tutti questi elementi insieme così come ha fatto l’evoluzione nel corso di milioni di anni. Se cerchiamo di ottimizzare una cosa, come la velocità in avanti, potremmo perdere in qualcos’altro, come la capacità di girare.

Gli insetti più piccoli superano la maggior parte dei robot nel rilevare il mondo intorno a loro e adattare le loro azioni di conseguenza; una flessibilità e agilità cruciale per muoversi in modo sia veloce che sicuro. Mentre motori e batterie possono superare tessuti e muscoli in certe metriche, negli animali la potenza è completamente integrata con le informazioni sensoriali nelle stesse subunità cellulari.

La ricerca suggerisce che dovremmo concentrarci sul migliorare la costruzione di ‘subunità funzionali’ dove diversi elementi sono combinati proprio come nelle cellule animali – elementi come potenza, sensoristica e movimento.

Fino a quando non comprenderemo meglio questi fattori, ghepardi e scarafaggi avranno ancora il sopravvento.

 

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Raro dodecaedro romano trovato in Inghilterra confonde gli archeologi

Oggi voglio o condividere con voi la scoperta di un raro dodecaedro romano a Norton Disney, in Inghilterra, che ha lasciato perplessi gli archeologi! Questo oggetto misterioso, risalente a circa 1.700 anni fa, è uno dei soli 33 dodecaedri trovati in Gran Bretagna e il primo scoperto nelle Midlands.

Il dodecaedro, noto per la sua forma a 12 facce e per essere stato realizzato da un artigiano altamente qualificato, continua a essere un enigma. Non ci sono menzioni di questi oggetti nei testi o nelle immagini dell’antica Roma, il che accresce il mistero intorno alla loro funzione. Alcuni suggeriscono che potrebbero essere stati oggetti religiosi, strumenti per lavorare la maglia, strumenti di misurazione o addirittura giocattoli antistress.

La scoperta è stata fatta durante gli scavi di giugno 2023 dal gruppo di archeologia locale di Norton Disney. L’oggetto sarà esposto al Lincoln Museum come parte del Festival della Storia della città. Questa è un’occasione imperdibile per tutti gli appassionati di storia locale e visitatori per scoprire di più sul passato romano di Lincoln.

 

#Archeologia #RomaAntica #DodecaedroRomano #ScopertaInInghilterra #MisteroStorico

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Tra le stalagmiti della Grotta di Saint-Marcel, i segreti di un’antica navigazione si svelano sotto il peso dei millenni

8.000 anni fa, i nostri antenati si avventuravano nelle profondità di una caverna francese, ma come hanno fatto? Un recente studio ha sollevato questa intrigante domanda. Nella Grotta di Saint-Marcel, i ricercatori hanno scoperto stalagmiti rotte oltre 1,5 km dall’ingresso, indicando la presenza umana in un’epoca in cui le torce elettriche erano inimmaginabili.

Questo luogo, noto per la sua estensione di 64 km di caverne e tunnel, è stato testimone della presenza umana fin dal Paleolitico Medio. Ma ciò che sorprende è come questi antichi esploratori abbiano potuto navigare in un labirinto così pericoloso e buio senza l’ausilio della tecnologia moderna.

La scoperta di queste formazioni rocciose spezzate, datate a 8.000 anni fa grazie alla datazione con uranio-torio, suggerisce non solo una visita, ma anche un’attività continua all’interno della grotta. Come hanno fatto a superare pozzi profondi e percorsi insidiosi? E perché hanno creato strutture con le stalagmiti rotte?

Questi misteri rimangono senza risposta, ma ciò che è certo è che i nostri antenati erano molto più avventurosi e capaci di quanto potremmo immaginare. La loro storia continua a vivere attraverso le pietre silenziose della Grotta di Saint-Marcel. 🏞️

 

#Archeologia #Storia #Esplorazione #GrottaDiSaintMarcel #MisteriDellaPreistoria

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Incredibile Breakthrough nella Tecnologia Wireless!

La tecnologia wireless di sesta generazione (6G) sta facendo passi da gigante! Un recente dimostrativo tecnologico in Giappone ha mostrato un dispositivo wireless prototipo che raggiunge velocità di trasferimento dati di 100 Gbps, ovvero 10 volte più veloce del picco di 5G e 500 volte più veloce di uno smartphone 5G medio.

Immaginate di scaricare otto o nove film di qualità media da Netflix in un solo secondo! Questo è il tipo di velocità che stiamo parlando con 6G. Sviluppato dalla compagnia di telecomunicazioni giapponese NTT, l’operatore di telefonia mobile DOCOMO, e le aziende di elettronica NEC e Fujitsu, il dispositivo utilizza bande ad alta frequenza tra 100 GHz e 300 GHz, consentendo di trasmettere significativamente più dati rispetto agli standard delle generazioni precedenti.

Mentre c’è ancora del lavoro da fare, soprattutto per quanto riguarda la portata del segnale, i risultati sono promettenti. Questo progresso potrebbe significare download di film ad alta risoluzione e comunicazioni tra veicoli autonomi più efficienti, oltre a una maggiore capacità di rete, permettendo a più dispositivi di rimanere connessi contemporaneamente.

Preparatevi a un futuro di connessioni ultra-veloci e senza interruzioni! 🌐✨

 

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Le donne hanno più freddo degli uomini?

Un recente studio dell’US National Institutes of Health ha sfatato il mito secondo cui le donne sentono più freddo degli uomini. Contrariamente alle aspettative, la ricerca ha rivelato che non ci sono differenze significative nella percezione del freddo tra i sessi. Le donne, nonostante una statura fisica generalmente minore e una produzione di calore inferiore, hanno mostrato una temperatura corporea interna leggermente superiore in ambienti freddi. Ciò suggerisce che le donne potrebbero avere una soglia di comfort termico più “artica”. Tuttavia, quando la temperatura scende a 17 °C, uomini e donne iniziano a rabbrividire allo stesso modo, senza differenze nel comfort percepito. Questo studio apre nuove prospettive sulla termoregolazione umana e sfida l’approccio tradizionale che ha spesso considerato il corpo maschile come modello di default. È tempo di approfondire la scienza reale oltre gli stereotipi! ❄️💪

 

#Scienza #Termoregolazione #StereotipiSfatati”

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Grande scoperta nel mondo della fisica

Gli scienziati dell’AMOLF e della Delft University of Technology nei Paesi Bassi hanno scoperto un metodo innovativo per rallentare e persino fermare completamente le onde di luce, promettendo avanzamenti significativi nei dispositivi fotonici come laser, display LED, fibra ottica e sensori. Utilizzando un cristallo di silicio modificato per comportarsi come se fosse deformato, hanno creato una trappola flessibile che permette di bloccare le onde luminose.

Questa nuova tecnica si basa sulla manipolazione degli elettroni con materiali bidimensionali come il grafene. Normalmente, il grafene è conduttivo, ma se distorto, ad esempio stirandolo, può confinare gli elettroni a livelli energetici specifici, noti come livelli di Landau, trasformando il materiale normalmente conduttivo in un isolante.

Ora, la luce può essere manipolata con un materiale simile al grafene, chiamato cristallo fotonico. I ricercatori hanno scoperto che possono fermare le onde luminose in modo simile. “Un cristallo fotonico normalmente consiste in un regolare modello bidimensionale di fori in uno strato di silicio. La luce può muoversi liberamente in questo materiale, proprio come gli elettroni nel grafene,” spiega René Barczyk dell’AMOLF.

La scoperta richiede ulteriori sviluppi, ma ci avvicina a un controllo più preciso della luce su scale molto piccole.

💡

 

#Fisica #Fotonica #Scienza #Innovazione

 

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Incredibile Scoperta nel Mondo della Fisica! 🌌

Un gruppo di fisici ha simulato un buco nero in laboratorio e, a sorpresa, ha iniziato a brillare! Utilizzando una catena di atomi allineati, i ricercatori hanno osservato quello che viene chiamato radiazione di Hawking particelle nate da disturbi nelle fluttuazioni quantistiche causate dalla rottura dello spaziotempo del buco nero.

Questo esperimento potrebbe aiutare a risolvere la tensione tra due teorie attualmente inconciliabili che descrivono l’Universo: la teoria generale della relatività, che descrive il comportamento della gravità come un campo continuo noto come spaziotempo, e la meccanica quantistica, che descrive il comportamento di particelle discrete usando la matematica della probabilità.

Per una teoria unificata della gravità quantistica che possa essere applicata universalmente, queste due teorie immiscibili devono trovare un modo per coesistere. E qui entrano in gioco i buchi neri forse gli oggetti più strani ed estremi dell’Universo.

🔭 La ricerca, guidata da Lotte Mertens dell’Università di Amsterdam, ha aperto nuove strade nella nostra comprensione dell’Universo e potrebbe essere un passo avanti verso una teoria del tutto.

 

 

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Allarme Sigarette elettroniche

Nuovo studio rivela livelli preoccupanti di uranio e piombo nelle urine degli adolescenti che fanno uso frequente di sigarette elettroniche.

Uno studio condotto dall’Università del Nebraska ha scoperto che i giovani tra i 13 e i 17 anni che utilizzano la sigaretta elettronica almeno otto volte al giorno presentano il 30% in più di piombo e il doppio dell’uranio nelle loro urine rispetto ai coetanei che ne fanno un uso occasionale. .

In particolare, tra gli adolescenti che preferiscono i sapori dolci, rispetto a quelli al mentolo o alla menta, i biomarcatori dell’uranio risultano particolarmente elevati. Questi risultati non provano che il vaping causi l’accumulo di metalli tossici nel corpo, ma analisi precedenti hanno costantemente trovato tracce di metalli tossici nei campioni di aerosol delle sigarette elettroniche e nei fluidi corporei dei vapers.

È tempo di prendere sul serio i potenziali rischi per la salute associati al vaping, soprattutto tra i giovani. Condividi per sensibilizzare! 📢

 

#SalutePubblica #Vaping #Ricerca

 

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!