Scoperta scientifica rivoluzionaria

Gli scienziati hanno appena scoperto che gli “archaea” , il terzo tipo di vita dopo batteri e eucarioti, stanno producendo energia in modi straordinariamente unici. Questi microrganismi singolariformi, spesso trovati in ambienti estremi come le sorgenti idrotermali, utilizzano gas idrogeno e enzimi di ultraminima dimensione per generare energia da miliardi di anni.

La ricerca, pubblicata su Cell, rivela che almeno nove phyla di archaea producono gas idrogeno con enzimi precedentemente ritenuti esistenti solo nei due altri tipi di vita. Queste enzimi non solo sono le più piccole note per l’uso di idrogeno, ma anche le più complesse.

Questo ritrovato potrebbe ispirare biotecnologi a produrre idrogeno industrialmente, sfruttando la capacità degli archaea di sopravvivere e prosperare in ambienti ostili dove la quantità di ossigeno è quasi nulla.

L’idrogeno, l’elemento più abbondante nell’universo, è già utilizzato per produrre fertilizzanti e altri prodotti chimici. Tuttavia, il suo futuro potrebbe essere legato all’energia immagazzinata e alla produzione di acciaio con zero emissioni, se l’energia rinnovabile viene utilizzata per convertire materiali come l’acqua in gas idrogeno.

Gli archaea hanno dimostrato di avere altri metodi ingegnosi per produrre energia che potremmo ancora scoprire. Questa scoperta potrebbe anche sostenere l’esistenza umana, fornendo nuovi modi per utilizzare l’idrogeno in un’economia verde.

 

Se ti è piaciuto il post divulga, perché la scienza combatte l’ignoranza!

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Caffeina e il cervello dei pazienti di Parkinson: un effetto sorprendente

Recenti ricerche hanno portato a una scoperta intrigante riguardo all’effetto della caffeina sul cervello dei pazienti di Parkinson. Secondo uno studio condotto dalla Neuromodulation Research Facility al Butler Hospital, la caffeina potrebbe influenzare negativamente la capacità del cervello di imparare e di formare nuove memorie.

L’analisi ha coinvolto 20 individui, tra cui 16 che consumavano da uno a cinque bevande contenenti caffeina al giorno e quattro che ne consumavano molto poco. Utilizzando la stimolazione transcranica magnetica ripetitiva (rTMS), i ricercatori hanno cercato segni di potenziamento a lungo termine (LTP), un processo fondamentale per il rafforzamento delle connessioni neuronali nel cervello. I risultati hanno mostrato che i soggetti non consumatori di caffeina presentavano segni di LTP significativamente più forti rispetto a quelli che consumavano caffeina regolarmente.

Questi dati preliminari suggeriscono che un consumo cronico di caffeina potrebbe limitare la plasticità del cervello, ovvero la sua capacità di adattarsi e imparare. Tuttavia, si tratta solo di una teoria e ulteriori studi sono necessari per confermare questi risultati.

La relazione tra caffeina e salute è complessa, con studi che mostrano sia effetti positivi che negativi. Ad esempio, la caffeina è stata associata alla protezione contro il declino cognitivo e al ridotto rischio di malattie come ictus, Parkinson e Alzheimer. Tuttavia, è importante considerare anche gli effetti negativi, come il potenziale aumento del rischio di diabete di tipo 2.

 

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Un traguardo rivoluzionario nel campo dell’informatica biologica!

Una startup svizzera ha appena lanciato un ‘biocomputer’ che connette a 16 mini-cervelli umani (organoidi cerebrali, ossia cellule del cervello) , creando un sistema di calcolo ad energia molto bassa. Questa innovazione sfrutta il potere di elaborazione dei neuroni biologici, offrendo una visione del futuro della computazione.

Il biocomputer di FinalSpark utilizza organoidi, cluster di cellule cerebrali umane coltivate in laboratorio, che vengono collegati a elettrodi e a un sistema microfluidico per fornire acqua e nutrienti. Questo approccio, noto come computing wetware, permette di studiare mini-repliche di organi e ha il vantaggio di consumare mille volte meno energia rispetto ai processori digitali tradizionali.

Con l’aumento dell’uso degli artificial neural networks, come quelli che sostengono i grandi modelli linguistici come Chat GPT, è diventato sempre più importante trovare modi per rendere la computazione più efficiente energeticamente. FinalSpark sta portando avanti questo obiettivo con la sua tecnologia innovativa.

Che ne pensate?

 

#Biocomputer #Innovazione #Scienza #Sostenibilità #FinalSpark

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Mistero delle Sfere di Pietra

Da quando sono state scoperte nel 19° secolo, le sfere di pietra hanno suscitato curiosità e dibattiti.

Le sfere di pietra riccamente scolpite trovate prevalentemente in Scozia e risalenti al tardo Neolitico (circa 3200-2500 a.C.) sono un mistero.

Sono state trovate oltre 425 palline. Generalmente hanno le dimensioni di una palla da cricket e sono realizzati con un’ampia varietà di pietre.

Questi enigmatici oggetti, spesso trovati casualmente o in collezioni d’arte, non sono mai stati ritrovati in un contesto archeologico chiaro.

Cosa erano? Erano forse missili per proteggersi dai predatori? Armi da guerra? Giocattoli per i bambini dell’antichità? O potrebbero essere stati utilizzati come pesi di misurazione, ornamenti domestici, dispositivi mnemonici, cuscinetti a sfera per spostare megaliti o supporti per fili?

La risposta rimane un mistero che sfugge ancora ai nostri tentativi di decifrazione. Che cosa pensate? Condividete i vostri pensieri ed ipotesi sulle sfere di pietra! 🤔

#SfereDiPietra #MisteroArcheologico #Antichità #Curiosità

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

La NASA sta pianificando un telescopio spaziale all’avanguardia per scoprire pianeti simili alla Terra

La Habitable Worlds Observatory (HWO) è una missione che prevede il lancio di un grande telescopio spaziale con lo scopo principale di immaginare pianeti simili alla Terra intorno a stelle come il nostro Sole. Questo telescopio non solo permetterà di osservare direttamente questi pianeti, ma anche di studiare le loro atmosfere alla ricerca di segni di vita.

Il progetto è ancora nelle fasi iniziali, ma i lavori dovrebbero iniziare a fine estate 2024. I contratti sono stati assegnati a tre aziende per la ricerca delle tecnologie ottiche più avanzate, dei progetti di missione e delle caratteristiche del telescopio. Il costo totale ammonta a 17,5 milioni di dollari.

Con l’HWO, NASA spera di trovare pianeti dove l’acqua potrebbe esistere in forma liquida, un requisito fondamentale per la vita come la conosciamo. È un’era entusiasmante per la ricerca astronomica e per la possibilità di scoprire nuovi mondi che potrebbero ospitare forme di vita.

 

#NASA #Spazio #Esopianeti #Scoperta #VitaNelCosmo

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Nuove scoperte sfidano la teoria sull’origine degli elementi più pesanti dell’universo

Recenti prove hanno messo in discussione la teoria tradizionale sull’origine degli elementi più pesanti del nostro universo. Mentre la maggior parte degli elementi è stata prodotta durante il Big Bang, quelli più pesanti sono stati creati attraverso processi stellari e eventi cosmici. E

Le stelle hanno generato molti di questi elementi pesanti tramite la fusione nucleare, ma solo fino all’elemento ferro. Per spiegare la presenza di elementi più pesanti, è necessario trovare fenomeni che possano produrli. Uno di questi eventi è il lampo gamma (GRB), l’esplosione più potente dell’universo.

Ne abbiamo parlato anche in diversi Podcast ma vi rinfresco la memoria 😉

I GRB possono essere divisi in due categorie: i lunghi GRB, associati alla morte di stelle massive e rapidamente rotanti, e i brevi GRB, causati dalla collisione di due neutroni. Un evento cruciale nel 2017 ha supportato questa teoria quando i rilevatori di onde gravitazionali LIGO e Virgo hanno scoperto un segnale proveniente dalla collisione di due neutroni, seguito da un breve GRB.

Questo evento ha portato alla scoperta di una kilonova, una versione più debole di una supernova, che ha fornito prove che molti elementi pesanti sono stati prodotti durante l’esplosione. La ricerca mostra che la kilonova ha prodotto due tipi diversi di detriti: uno composto principalmente da elementi leggeri e l’altro da elementi pesanti.

Queste scoperte potrebbero aiutarci a comprendere come gli eventi violenti cosmici formino gli elementi più pesanti dell’universo. Quindi, la prossima volta che guarderai le stelle, ricorda che ogni elemento ha una storia incredibile alle spalle!

 

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Una Nuova Speranza nella Lotta contro la Sclerosi Multipla: Scoperto un Nuovo Test del Sangue!

Un team di ricercatori ha sviluppato un test del sangue rivoluzionario che potrebbe essere la chiave per risolvere il mistero della sclerosi multipla (SM). Questa condizione autoimmune, che colpisce circa 2,8 milioni di persone in tutto il mondo, è il risultato del sistema immunitario che danneggia parti dei nervi nel cervello e nel midollo spinale, portando a problemi di movimento, visione, equilibrio e sensazione.

Finora, non esisteva un modo per curare o prevenire la SM a causa della complessa risposta immunitaria che porta a questa malattia. Tuttavia, il nuovo test del sangue permette di stimare la forza della risposta immunitaria nelle persone con SM, avvicinandoci a una migliore comprensione delle cause della SM e allo sviluppo di trattamenti più efficaci.

La ricerca suggerisce che il principale responsabile della SM sia il virus di Epstein-Barr (EBV), noto anche come febbre ghiandolare o mononucleosi infettiva. Sebbene il corpo non elimini mai completamente il virus, in molte persone il sistema immunitario lo rende innocuo. Tuttavia, le persone con SM hanno una risposta immunitaria anomala a questo virus, che potrebbe essere responsabile della malattia.

Un grande studio del 2022 ha fornito una base epidemiologica robusta per questo collegamento, scoprendo che il rischio di SM aumenta di 32 volte dopo un’infezione da EBV. Nessun’altra infezione virale ha mostrato di aumentare il rischio di SM.

Questo test del sangue rappresenta un punto di partenza importante per la ricerca sui meccanismi dietro la reazione immunitaria aberrante che porta alla SM e potrebbe consentire ai ricercatori di sviluppare trattamenti migliori per la SM in futuro.

Condividiamo la speranza e il progresso nella ricerca scientifica! 🌟

 

#SclerosiMultipla #RicercaMedica #InnovazioneSanitaria

 

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Nuova Svolta nella Contraccezione Maschile!

Una recente ricerca ha portato alla scoperta di un nuovo tipo di contraccezione maschile reversibile.

Il farmaco, chiamato CDD-2807, non si basa sugli ormoni e ha mostrato pochissimi effetti collaterali.

Gli scienziati del Baylor College of Medicine negli Stati Uniti hanno condotto esperimenti in cui i topi maschi trattati con CDD-2807 per 21 giorni non hanno generato prole, nonostante la convivenza e l’accoppiamento con le femmine. La cosa sorprendente? Dopo aver interrotto il trattamento per circa 53 giorni, i topi hanno ripreso a essere fertili.

Questo studio apre nuove prospettive per la contraccezione maschile, offrendo una soluzione potenzialmente meno invasiva e reversibile rispetto alle opzioni attuali. Sebbene le prove cliniche sull’uomo siano ancora lontane, i risultati sono promettenti.

🧬 La ricerca continua, ma intanto celebriamo questo incredibile passo avanti nella scienza della contraccezione!

 

#Scienza #Innovazione #SaluteMaschile

 

 

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

L’Antartide ci invia un altro segnale d’allarme!

Il 20 maggio 2024, un iceberg di 380 km² si è staccato dalla piattaforma di ghiaccio Brunt in Antartide. Questo evento, denominato A-83, è il terzo significativo distacco di iceberg in questa regione negli ultimi quattro anni.

La perdita continua di ghiaccio antartico è uno dei segnali più chiari dell’aumento delle temperature globali e un avvertimento preoccupante. Oltre a contribuire all’innalzamento del livello del mare, alle inondazioni costiere e agli eventi meteorologici estremi, la perdita di ghiaccio polare porta ad un ulteriore assorbimento della radiazione solare da parte degli oceani della Terra, causando un ulteriore aumento delle temperature.

Condividiamo la consapevolezza e l’importanza di agire ora per il clima! 🌍💧

 

#Antartide #CambiamentiClimatici #IcebergA83

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Stupefacente scoperta scientifica!

I corvi non sono solo tra gli uccelli più intelligenti, ma ora uno studio ha rivelato che possono anche contare ad alta voce! Un team di ricercatori guidato dalla neuroscienziata Diana Liao dell’Università di Tübingen in Germania ha dimostrato che i corvi possono produrre un numero specifico di grida in risposta a stimoli visivi e uditivi, proprio come fanno i bambini piccoli quando imparano a contare.

Questo livello di controllo vocale intenzionale e la comprensione numerica non è mai stato osservato in altre specie non umane. È affascinante vedere come questi uccelli dimostrino abilità che pensavamo fossero uniche agli esseri umani. La prossima volta che vedrai un corvo, ricorda che potrebbe essere in grado di contare proprio come te! (o meglio di te 🤣) 🧠✨

 

#Corvi #IntelligenzaAnimale #Scienza #CuriositàNaturale

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!