La protezione solare è davvero efficace contro i rischi del melanoma della pelle?

Il melanoma è una forma potenzialmente mortale di cancro della pelle che colpisce persone di ogni razza e gruppo etnico. L’esposizione ai raggi ultravioletti, o UV, del sole è il fattore di rischio più strettamente legato allo sviluppo del melanoma. In effetti, le scottature solari sono state associate al raddoppio del rischio di melanoma.

Poiché la protezione solare può bloccare i raggi UV e quindi ridurre il rischio di scottature solari, alla fine può ridurre il rischio di sviluppare il melanoma. Pertanto, la promozione della protezione solare come efficace strategia di prevenzione del melanoma è una raccomandazione ragionevole per la salute pubblica.

Questo può essere vero per gli individui dalla pelle chiara, come le persone di origine europea, ma non è il caso per gli individui dalla pelle più scura, come le persone di origine africana o asiatica.

 

Le raccomandazioni promosse da molti medici e gruppi di salute pubblica in merito alla protezione solare per le persone di carnagione scura non sono supportate dalle prove scientifiche disponibili.

A dire il vero, possono ammalarsi di melanoma, ma il rischio è molto basso. Allo stesso modo, gli uomini possono sviluppare il cancro al seno, tuttavia, non si promuove la mammografia come strategia per combattere il cancro al seno negli uomini.

Il melanoma nelle persone di colore non è associato all’esposizione ai raggi UV.

Questo è il messaggio della Dell Medical School dell’Università del Texas ad Austin.

Beh, in ogni caso, per queste imminenti vacanze proteggiamoci dalle forti esposizioni solari.

Con questo vi auguro delle serene vacanze. Ci si “rivede”, se vi fa piacere, con delle nuove curiosità scientifiche a settembre. 🤗

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Perché ci sono adesso troppe tartarughe femmine?

Un ospedale per tartarughe in Florida ha affermato che tutte le tartarughe testate negli ultimi quattro anni erano femmine, una tendenza preoccupante che attribuisce al cambiamento climatico.

La temperatura della sabbia dove sono sepolte le uova influenza il sesso delle tartarughe marine.
I maschi sono già una piccola minoranza di tartarughe marine – in inferiorità numerica di circa 10 a uno – e quando la sabbia diventa più calda si sviluppano sempre meno maschi.
Le uova di tartaruga marina incubate nella sabbia a una temperatura superiore a 88,8° Fahrenheit (31° Celsius) saranno femmine, secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) degli Stati Uniti.
Abbiamo bisogno di altre prove del cambiamento climatico?

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Perche le meteore hanno differenti colori?

Domani è San Lorenzo saremo con il naso all’insù a guardare il cielo stellato ad osservare le meteore o come le chiamiamo in tanti le “stelle cadenti”.

Le Perseidi sono considerate una delle piogge meteoriche più belle. Le meteore, romanticamente chiamate “stelle cadenti”, sono molto veloci (59 km/s) e luminose e spesso lasciano dietro di esse lunghe “scie” di luce colorate mentre attraversano l’atmosfera terrestre. Le Perseidi sono uno degli sciami più intensi (50-100 meteore osservate all’ora) e sono visibili da fine luglio a fine agosto durante le caldi notti d’estate. Non sono l’unico sciame meteorico (famose sono le Geminidi, le Leonidi, le Orionidi ecc…) ma senza dubbio le “lacrime di San Lorenzo” sono le più affascinanti.
Una meteora potrebbe sembrare emettere un lampo di luce bianca, simile al modo in cui appaiono le stelle. Tuttavia, le meteore possono apparire in una varietà di colori se le condizioni di visualizzazione sono chiare o se vengono catturate in una fotografia.
Il colore della luce prodotta dalle meteore dipende dalla loro composizione chimica.
Diverse sostanze chimiche nelle meteore producono colori diversi mentre bruciano mentre entrano nell’atmosfera terrestre. Di cosa è fatta una meteora non è l’unico fattore che determina il colore che appare. Anche la velocità con cui la meteora entra nell’atmosfera terrestre può influenzare il colore.
Più velocemente si muove una meteora, più intenso può apparire il colore.
Ad esempio, le meteore composte principalmente da calcio emetteranno un colore viola o viola, mentre quelle fatte di magnesio sembreranno avere un colore verde o verde acqua.

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Il cambiamento climatico influenza il sesso delle tartarughe

Un ospedale per tartarughe in Florida ha affermato che tutte le tartarughe testate negli ultimi quattro anni erano femmine, una tendenza preoccupante che attribuisce al cambiamento climatico.

La temperatura della sabbia dove sono sepolte le uova influenza il sesso delle tartarughe marine.

I maschi sono già una piccola minoranza di tartarughe marine – in inferiorità numerica di circa 10 a uno – e quando la sabbia diventa più calda si sviluppano sempre meno maschi.

Le uova di tartaruga marina incubate nella sabbia a una temperatura superiore a 88,8° Fahrenheit (31° Celsius) saranno femmine,  secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration  (NOAA) degli Stati Uniti.

Abbiamo bisogno di altre prove del cambiamento climatico?

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Usare un windchime per trovare la materia oscura?

Il segreto per rilevare direttamente la materia oscura potrebbe essere nel vento.

La misteriosa sostanza continua a eludere gli scienziati anche se supera la materia visibile nell’universo di circa 8 a 1. Tutti i tentativi di laboratorio di rilevare direttamente la materia oscura – vista solo indirettamente dall’effetto che la sua gravità ha sui movimenti di stelle e galassie – sono andati a vuoto.

Quei tentativi si sono basati sulla speranza che la materia oscura abbia almeno qualche altra interazione con la materia ordinaria oltre alla gravità. Ma un esperimento proposto chiamato Windchime, proverà qualcosa di nuovo: cercherà la materia oscura usando l’unica forza che è garantita per sentire: la gravità.

L’idea di base è estremamente semplice”, afferma il fisico teorico Daniel Carney. Come le campane a vento, il rilevatore Windchime proverebbe a percepire un “vento ” di materia oscura che soffia sulla Terra mentre il sistema solare gira intorno alla galassia.

Se la Via Lattea è principalmente una nuvola di materia oscura, allora dovremmo attraversarla a circa 200 chilometri al secondo. Questo crea un vento di materia oscura, per lo stesso motivo per cui senti un vento quando metti la mano fuori dal finestrino di un’auto in movimento.

Il rilevatore Windchime si basa sull’idea che un insieme di pendoli oscillerà in un attimo. Nel caso dei campanelli eolici del cortile, potrebbero essere aste di metallo o campane penzolanti che tintinnano nell’aria in movimento. Per il rivelatore di materia oscura, i pendoli sono schiere di minuscoli rivelatori ultrasensibili che saranno spinti dalle forze gravitazionali che percepiscono dal passaggio di frammenti di materia oscura. Invece delle molecole d’aria che rimbalzano su campanelli metallici, l’attrazione gravitazionale delle particelle che compongono il vento di materia oscura provocherebbe increspature distintive mentre soffia attraverso un miliardo circa di sensori in una scatola di circa un metro per lato. Sarà la volta buona?

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Una nuova fonte di energia rinnovabile

Non c’è mai stato un bisogno così urgente per gli scienziati di scoprire percorsi verso prodotti e combustibili che siano veramente rinnovabili, dati i prezzi crescenti dell’energia e gli impatti che stanno emergendo rapidamente dalla combustione di combustibili fossili sul clima globale.

I forti legami chimici nella biomassa, o materia vegetale, possono essere rotti dall’elettricità e dall’acqua grazie al metodo chimico appena sviluppato dai ricercatori. Questo approccio “elettrocatalitico” potrebbe essere applicato alla lignina, un componente della biomassa ricco di carbonio che viene spesso sprecato o bruciato come sottoprodotto della produzione di carta. Questa nuova tecnica può essere potenzialmente utilizzata per ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili.

Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista Nature Communications.

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Microcristalli insoliti scoperti nella polvere di meteorite.

Il 15 febbraio 2013, sopra Chelyabinsk negli Urali meridionali della Russia, il più grande meteorite mai visto in questo secolo è entrato nell’atmosfera terrestre. Insolitamente, la polvere superficiale del meteorite è sopravvissuta al suo impatto ed è ora oggetto di ricerche approfondite. Alcuni microcristalli di carbonio in questa polvere hanno forme strane. Un gruppo guidato da Sergey Taskaev e Vladimir Khovaylo dell’Università statale di Chelyabinsk in Russia ha recentemente pubblicato un articolo sulla morfologia e le simulazioni della formazione di questi cristalli sull’European Physical Journal Plus.

La superficie di una meteora sviluppa polvere di meteorite quando entra nell’atmosfera ed è soggetta a temperature molto elevate e pressioni tremende. La meteora di Chelyabinsk era eccezionale in termini di dimensioni, intensità dell’esplosione, dimensioni dei pezzi più grandi che caddero sulla Terra e distruzione che causò. Ancora più importante, è atterrato su un terreno innevato e la neve ha contribuito a mantenere intatta la polvere.

Taskaev, Khovaylo e il loro team hanno osservato per la prima volta microcristalli di carbonio di dimensioni micrometriche in questa polvere al microscopio ottico. Pertanto, hanno esaminato gli stessi cristalli utilizzando la microscopia elettronica a scansione (SEM) e hanno scoperto che assumevano una varietà di forme insolite.

Molto probabilmente, queste strutture saranno state formate aggiungendo ripetutamente strati di grafene, veramente insolito…

Taskaev e Khovaylo suggeriscono che la classificazione di questi cristalli potrebbe aiutare a identificare i meteoriti del passato.

Il mistero si infittisce..

 

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

I mari di Marte

Quelle che sembrano increspature di sabbia blu che spolverano il paesaggio marziano fanno apparire il Pianeta Rosso ancora più alieno del solito.

La colorazione sorprendente non è, tuttavia, come sembra.

Fotografato dal Mars Reconnaissance Orbiter della NASA all’inizio di quest’anno, lo scenario è stato elaborato in quello che viene chiamato “falso colore”, trasformando lunghezze d’onda della luce sottilmente distinte in tavolozze spettacolari che non possiamo fare a meno di distinguere.

L’elaborazione dei dati in questo modo evidenzia il contrasto nelle regioni e nelle caratteristiche della superficie marziana, offrendo agli scienziati planetari uno strumento davvero ingegnoso per comprendere i processi geologici e atmosferici che si svolgono molto al di sotto dell’altitudine orbitale di MRO.

La regione fotografata da MRO qui è il cratere Gamboa nell’emisfero settentrionale marziano. Con una risoluzione spettacolare, ogni pixel rappresenta 25 centimetri (9,8 pollici).

Le più piccole increspature in cima a molte delle colline più grandi sono separate l’una dall’altra di pochi metri. Ad un certo punto si fondono per formare piccoli tumuli che si irradiano verso l’esterno dal moto ondoso delle dune a distanze di circa 10 metri (30 piedi) l’uno dall’altro.

Colorate in blu brillante, è più facile distinguere i motivi distintivi di queste strutture di medie dimensioni in mezzo a un mare di increspature e grandi onde sabbiose.

Conosciute come Trasverse Eolian Ridges , o TARs, queste strutture di dimensioni intermedie sono costituite da una sabbia composta da particelle molto grossolane. Secondo la NASA, i colori accresciuti delle grandi dune e dei TAR suggeriscono processi erosivi in ​​corso.

Le mega-increspature appaiono blu-verdi su un lato di un ritaglio di colore migliorato mentre il TAR appare più luminoso sull’altro.

Questo potrebbe essere dovuto al fatto che i TAR si stanno muovendo attivamente sotto la forza del vento. Tutte queste diverse caratteristiche possono indicare da che parte stava soffiando il vento quando si sono formati.

Sembra un meraviglioso dipinto…

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

Energia pulita dal sudore? Si può fare mediante un biofilm

I ricercatori dell’Università del Massachusetts Amherst hanno recentemente annunciato di aver scoperto come progettare un biofilm che raccoglie l’energia durante l’evaporazione e la converte in elettricità. Questo biofilm, annunciato su Nature Communications , ha il potenziale per rivoluzionare il mondo dell’elettronica indossabile, alimentando qualsiasi cosa, dai sensori medici personali all’elettronica personale.

Il fattore limitante dell’elettronica indossabile è sempre l’ alimentazione. Le batterie si scaricano e devono essere sostituite o ricaricate. Sono anche ingombranti, pesanti e scomode. Ma un biofilm trasparente, piccolo, sottile e flessibile che produce una fornitura continua e costante di elettricità e che può essere indossato, come un cerotto, come un cerotto applicato direttamente sulla pelle, risolve tutti questi problemi.

Si tratta di vera energia verde e, a differenza di altre cosiddette fonti di ‘energia verde’, la sua produzione è totalmente verde”.

Questo perché questo biofilm , un sottile foglio di cellule batteriche dello spessore di un foglio di carta, è prodotto naturalmente da una versione ingegnerizzata del batterio Geobacter sulfurreducens.

G. sulfurreducens è noto per produrre elettricità ed è stato precedentemente utilizzato in “batterie microbiche” per alimentare dispositivi elettrici.

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!

La fisica nel gioco del domino

Una fila di domino in piedi su un’estremità crolla in una reazione a catena dopo che il primo è stato rovesciato. Le simulazioni al computer rivelano che l’attrito gioca un ruolo importante nel determinare la velocità con cui cade la cascata.
L’attrito è cruciale per determinare la velocità con cui il collasso precipita attraverso una fila di domino , riportano due ricercatori del Politecnico di Montreal nel Physical Review Applied di giugno . Ciò include sia l’attrito tra le tessere in collisione, sia tra le tessere e la superficie su cui si trovano.

Le simulazioni al computer hanno rivelato le condizioni necessarie per un rapido collasso. Il ribaltamento è avvenuto più rapidamente per i domino ravvicinati che avevano poco attrito tra di loro e che si trovavano su una superficie ad alto attrito.
Meno attrito tra le tessere, come accade per le piastrelle con superfici più scivolose, significa che si perde meno energia. E più attrito tra le tessere e la superficie su cui poggiano, come il feltro ruvido, significa che le tessere non scivolano troppo all’indietro mentre cadono. Tale retrocessione rallenterebbe altrimenti la cascata.

In alcune simulazioni, la reazione a catena si è interrotta. Ad esempio, i domino distanziati l’uno dall’altro su una superficie scivolosa sono scivolati all’indietro così tanto da evitare di colpirsi a vicenda.

Sulla base delle simulazioni, i due ricercatori del domino hanno elaborato un’equazione che prevede la velocità del collasso e ha mostrato che le previsioni corrispondevano ai risultati degli esperimenti precedenti. Si scopre che c’è una scienza seria dietro un gioco spettacolare.

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!