Linux e Windows 10: la shell Bash

Oltre alla soluzione che prevede l’installazione di Cygwin  (https://www.cygwin.com/) come ambiente di emulazione per Linux, per i sistemi Windows 10 esiste un’alternativa che prevede l’installazione della shell bash come applicativo nativo di Windows stesso. La bash su Windows fornisce così agli sviluppatori e sistemisti una shell Linux in  cui eseguire la maggior parte dei comandi Linux senza dover installare uno specifico emulatore esterno. Il prerequisito fondamentale per l’installazione di tale bash è che il nostro Windows sia una versione a 64-bit Anniversary Update build 14393 o superiore. Per verificare la versione del sistema in uso è sufficiente e l’architettura  della CPU della nostra macchina è sufficiente accedere a Impostazioni->Sistema-> Informazioni su.

Inoltre è necessario impostare manualmente il sistema operativo in Modalità sviluppatore (in inglese, Developer Mode). Per farlo è necessario seguire la sequenza Impostazioni -> Aggiornamento e sicurezza -> Per sviluppatori e selezionare l’opzione Modalità sviluppatore. A questo punto non rimane altro che installare la bash accedendo alla funzionalità Attiva o disattiva funzionalità di Windows e selezionando, così come mostrato in figura, la voce sottosistema Windows per Linux.

Per lanciare e utilizzare l’ambiente Linux sarà ora sufficiente aprire una console CMD e digitare il comando bash.

 

Carlo A. Mazzone

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *