Il successo di un tipo di dati: il casting delle variabili in C

di Carlo A. Mazzone

Il nome dell’articolo potrebbe suggerire un qualcosa collegato al mondo dello spettacolo: niente di più lontano dalla verità. Il casting, nel contesto informatico, non ha assolutamente a che fare con la selezione di un certo sviluppatore come attore in un qualche film ma piuttosto con l’attribuzione del tipo di dati più adatto ad una data variabile per una determinata circostanza implementativa.

Inizio con una semplice constatazione: talvolta il risultato di certe operazioni tra tipi di dati può dare risultati del tutto inaspettati. Ma andiamo con ordine ponendoci questa domanda: cosa accade quando assegno ad una variabile il valore di un’altra variabile appartenente ad un tipo di dati diverso?

Mi spiego meglio; quando scrivo qualcosa del tipo:

x=y;

se x ed y sono dello stesso tipo, semplicemente il valore di y viene copiato in x. Tuttavia, se x è ad esempio di tipo intero ed y di tipo float inevitabilmente la parte frazionaria di y verrà persa nell’assegnazione del valore ad x, al limite con un avvertimento (warning) da parte del compilatore.

Ad esempio, il seguente codice:

int main(int argc, char *argv[])

{

int x;

float y=5.5;

x=y;

printf(“Il valore di x e’: %d\n”, x );

printf(“Il valore di y e’: %.2f\n”, y );

return 0;

}

produrrà come output:

Il valore di x e’: 5

Il valore di y e’: 5.50

In generale, infatti, le uniche conversioni che non generano problemi sono quelle che consentono di ampliare la dimensione di una variabile. Ad esempio, nessun problema, ovviamente, nel caso contrario quello appena visto in cui assegniamo un intero ad una variabile float ottenendo come risultato che la variabile float avrà come parte intera il valore intero del numero assegnato e come parte frazionaria il valore zero.

Il valore di x e’: 6

Il valore di y e’: 6.00

Questi tipi di conversione vengono detti conversioni implicite in quanto realizzate automaticamente dal compilatore. In altri casi, però, è necessario “forzare” un tipo di variabile ad essere diversa da quella che risulterebbe in maniera naturale: si parla allora di conversione esplicita. Tali conversioni vengono definite in modo gergale cast oppure casting, ed usando a volte espressioni come “castare una variabile”.

Vi propongo allora una situazione tipica:

int main(int argc, char *argv[])

{

int x=7, y=2;

float d;

d=x/2;

printf(“Il valore di d e’: %.2f\n”, d );

return 0;

}

poiché d è stata dichiarata come float ci si aspetterebbe come risultato il valore 3,5. Sbagliato! L’operazione di divisione tra due interi viene appunto intesa come un fatto “privato” tra interi che da come risultato un valore intero, nel nostro caso il valore 3, che solo successivamente viene assegnato alla variabile con la virgola d. Tale problema è comunissimo e si verifica ad esempio nel caso in cui si deve calcolare la media di un dato numero di elementi interi per il quali, nonostante si prevede una variabile di tipo float si otterrà comunque un numero intero. Per risolvere la situazione si usa allora il casting di cui vi dicevo con la seguente sintassi:

(tipo_dati) espressione

Ad esempio, nel nostro caso sarà sufficiente scrivere:

d=(float)x/2;

per ottenere in stampa il valore desiderato ed atteso di 3,5.

Supportaci condividendo sui social il nostro articolo!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *